«

Romagnuolo: “Sui livelli un pastrocchio ed una inutile caccia alle streghe”

1918348_967070150007734_926557936633946743_nDopo la conferenza sui c.d. “livelli” si è sollevato l’ennesimo polverone che non punta a trovare una soluzione al problema di tanti cittadini. Il consigliere di maggioranza o di opposizione  Gaetano Fucile, commissario locale di Forza Italia o militante del PD dell’On.le Caputo, ha preso due documenti a caso e ne ha fatto un manifesto tentando inutilmente di ripristinare l’istituto medievale della gogna. Sono bastate poche ore per leggere su internet la risposta al manifesto di Fucile con allegato  un comunicato diffuso dall’addetto stampa di Cuccaro che, nel 2013, rivendicava la paternità dell’azione sui livelli, corredato di un documento risalente ad Agosto 2012 firmato dal “peggior sindaco che Pignataro abbia mai conosciuto” (cito testualmente le parole dell’assessore Giordano prima che entrasse in Consiglio Comunale, ultimo dei non eletti, a causa dell’emorragia di consiglieri letteralmente scappati dal clima di veleni alimentati dal Primo Cittadino).

Il giornalista chiamato in causa ha già annunciato che altri documenti saranno resi pubblici nei prossimi giorni. Cosa della quale sono convito, avendo io stesso, agli inizi del  2012, partecipato ad una riunione presso lo studio di Fucile in cui questi ci annunciò che avrebbe usato l’argomento dei livelli per far cadere l’amministrazione Cuccaro mostrandoci dei documenti di cui non ricordo il contenuto.

In questo clima non mi stupirebbe che una domenica di queste troveremo affisso a Pignataro un manifesto che “proverebbe senza ombra di dubbio” che fu l’ex sindaco Magliocca a denunciare se stesso con le false accuse che lo hanno visto assolto con formula piena dopo le vicissitudini che tutti ben conoscono ormai e che mi ferisce anche solo dover ricordare.

Mi stupisce la sfacciataggine di chi, con riunioni, incontri e cene, ha provato più volte ad organizzare un fronte unico di opposizione per coordinare gli attacchi da portare a questa amministrazione per far si che terminasse con largo anticipo lo scellerato modo di amministrare il nostro paese. La stessa persona che ora tenta di allontanare da se e dal Sindaco, perché diventato parte integrante della stessa maggioranza, ogni coinvolgimento cercando, inutilmente, di porsi come soluzione a tutti i mali della nostra terra e di poterli risolvere in pochi mesi. Promessa che, tra le varie,  fa a vuoto da un 30ennio.

Se davvero Fucile volesse risolvere i problemi di Pignataro non avrebbe dovuto certo  rimettere in moto la macchina del fango, per addossare ad altri le proprie colpe e responsabilità.

Ormai tutti sanno che questo modo di fare politica ha fatto il suo corso ed il suo tempo, così come chi continua a farne uso per interessi personali.

La nostra lista ha fatto una scelta ben precisa, ignorare queste provocazioni ed atteggiamenti tipici di una certa  subcultura, e concentrarsi sulla soluzione dei problemi.

Per questo siamo all’opera con dei tecnici di fiducia per redigere un regolamento comunale sui livelli per trovare come consentire ai nostri concittadini di affrancarli con una spesa che sia commisurata al reale valore dei beni e non alle cifre folli che ci hanno riferito alcuni cittadini, rideterminando delle tariffe che siano realmente eque e non determinate solo per ottemperare all’obbligo di riscuoterle.

 

Vincenzo Romagnuolo
Candidato lista Ricoloriamo Pignataro

Romagnuolo: “Sui livelli un pastrocchio ed una inutile caccia alle streghe”ultima modifica: 2016-01-12T23:04:04+01:00da ric-pig1
Reposta per primo quest’articolo

Permalink link a questo articolo: https://ricoloriamopignataro.myblog.it/?p=179